Come restaurare una sedia di chiavari

L’antica sedia di “Chiavari Campanino” può essere recuperata e riutilizzata per la sua comodità o come complemento di arredo

 

Restaurare una sedia

 

Quando hai una sedia che necessita un restauro devi iniziare da un inventario

dei lavori che occorrono perché sia nuovamente usabile sia per il suo fisico o come componente di arredamento.

Quindi devi controllare se gli incastri che tengono bloccati i traversi con le gambe della sedia,

siano tutti incollati e non abbiano alcun lasco o movimento.

 

 

Controlla che il legno non sia attaccato

dai tarli e come preventivo per evitare il problema fai un trattamento antitarlo con un pennello.

Se la sedia è attaccata dai tarli ma non eccessivamente, procurati una siringa fa lavaggio con ago e inietta l’antitarlo in tutti i fori che trovi.

 

Prima di iniziare a riverniciare la sedia

stucca tutti fori dei tarli e riccarteggia

tutta la sedia con carta vetro di grana 180 sino a togliere le righe causate dalla carteggiatura precedente e lo stucco asciutto in eccesso.

 

Quando la sedia è quasi lucida solo per averla carreggiata bene: procurati della gommalacca

disciolta in alcool e inizia a verniciare la sedia con un pennello.

 

 

Dopo la prima mano di vernice

e la su completa essiccazione: carteggia la vernice con carta vetro di grana 220.

Spolvera la sedia a doverne e con un piccolo tampone imbevuto di gommalacca inizia a distribuire altra vernice sull’oggetto.

Evitando di ripassare più volte nello stesso punto per non bruciare la verniciatura.

 

 

 

Dopo alcune passate di tampone e gommalacca

attendi che asciughi perfettamente ecarteggis la sedia con paglietta molto fine.

Eseguita questa operazione rispolvera bene la chiavarina per finire la verniciatura

con altre passate di tampone imbevuto di gommalacca

Sino a verniciatura completa secondo il tuo gradimento.

 

Se desideri colorare la sedia con tinte più scure puoi adoperare vernice gommalacca tinta con anillina ad alcool.

Nel caso il sedile fosse da rifare devi rivolgerti agli impagliatori o imparare anche questo antico mestiere.