Come ebanizzare i legni

ebanizzare: consiste nel tingere il legno di noce, rovere o castagno: nel colore, nero naturale, dell’ebano scuro 


Come ebanizzare i legni

Annerire i legni

 

In commercio puoi trovare aniline da sciogliere in alcool oppure: tinte per il legno, pronte per l’uso, tra le quali anche il nero ebano.

Ma se vuoi ottenere un effetto naturale che si avvicina molto al colore naturale dell’ebano devi intervenire con le misteriose formule antiche.

Nulla di difficile tutto ciò che occorre per generare chimicamente la tinta nero ebano per qualsiasi legno ma 

preferibilmente rovere, noce, castagno, ciliegio e acacia per la notevole presenza di acido di tannino  che a contatto con l’ossido di ferro diventa nero.

 

Ma anche altri legni rispondo alla reazione chimica e possono annerire con l’unico inconveniente:

è di non poter controllare tale reazione per ottenere una tinteggiatura uniforme.

Questo è il primo metodo per ottenere un effetto ebano generato dalla presenza di acido di tannino

che rende indelebile il colore ottenuto perché nato tra le fibre del legno per reazione con l’ossido di ferro.

 

Basta quindi procurarsi l’ossido di ferro; lavando molto bene in sapone e acqua calda:

la giusta quantità di paglietta di ferro grana 0000 e metterla in ammollo coperta di aceto in un contenitore

Attendere qualche settimana perché la paglietta si dissolva nell’aceto e si trasformi in ossido di ferro.

Non chiudere ermeticamente il contenitore contenente la soluzione: aceto e paglietta di ferro.

Perché potrebbe generare gas e mandare in pressione il coperchio quindi non chiuderlo ermeticamente.


 

 


Come ebanizzare i legni

Annerire i legni

 

Attendi che la soluzione sia completamente liquida e ossidata prima di impregnare il legno da tingere.

Procurati della corteccia d’albero di Quebracho o un estratto di quebracho di produzione industriale, usato per la colorazione delle pelli.

Se ottieni la corteccia: puoi polverizzarla e metterla in infusione per alcuni minuti in acqua calda e attendere

che abbia rilasciato l’acido di tannino che colorerà l’acqua di nero.

 

Quando avrai ottenuto questa soluzione di acido di tannino: imbevi il legno che vuoi tingere e attendi che si asciughi.

Dopo l’assorbimento completo dell’acido di tannino nel legno: imbevi il pezzo da tingere con la soluzione Ferro Aceto completamente ossidata.

 

Questo processo chimico, causato dall’ossido di ferro con l’acido di tannino; presente:

nel noce, nel rovere e nel castagno, in abbondanza; e quello aggiunto tramite l’infuso di corteccia di Chebracho:

Tingerà il colore del legno chiaro trasformandolo in un nero naturale che assomiglierà all’ebano scuro.

Ricordati di carteggiare bene le parti e se occorre ripeti la tinteggiatura dopo aver carteggiato con carta abrasiva di grana 150

Prima di rifinire o lucidare il pezzo di legno, tinta ebano: assicurati di aver tolto ogni imperfezione, al tatto, con carta vetro di grana più sottile

Sino a raggiungere la grana 400 prima di iniziare a lucidare, con gommalacca, il mobile color ebano

Ebanizzare: consiste nel tingere il legno di noce, rovere, ciliegio e castagno: nel colore, nero naturale, dell’ebano scuro